logo ilguerriero.it

Yin Yang

[ Home ] Precedente ] [ Forum ] [ La bacheca ] [ Ricerca nel portale ] [ Ricerca nel web ] [ Video ] [ Prossimi eventi ] [ Contatti ]

Stampa questa pagina Stampa la pagina

Teoria Yin-Yang

di: Franco Piccirilli

La teoria yin-yang assai antica ed i filosofi cinesi se ne servivano per spiegare l'origine dell'universo.

Yang indicava originariamente lo splendore del sole, yin l'assenza di splendore ossia l'ombra.

Successivamente yang e yn furono considerati due principi o forze naturali: yang il principio maschile, positivo, yin il principio femminile, negativo.

simbolo del TaoYang rappresentava inoltre la luce, il calore, l'aridit, la durezza, l'attivit... mentre yn rappresentava l'oscurit, il freddo, l'umidit, la morbidezza, la passivit...

Secondo il pensiero cinese tutti i fenomeni dell'universo sono la risultante della combinazione e dell'interazione di yn con yang.

Yn non pu esistere senza yang e yang non pu esistere senza yn.

I due principi sono inseparabili come il polo positivo e quello negativo di una pila elettrica.

L'unione di yn con yang chiamata T'ai Chi ossia "polo supremo", "principio primo" e viene rappresentata col noto simbolo in cui la parte nera rappresenta yin, la parte bianca yang.

I punti nero e bianco che si trovano rispettivamente nell'area chiara e scura stanno ad indicare che yn e yang non sono assoluti, ma che vi sempre un po' di yin in yang e viceversa.

La circonferenza simboleggia l'evoluzione ciclica della natura; l'armonia fra gli opposti dimostrata dall'uguaglianza delle due superfici di diverso colore.

Nel disegno la parte chiara a destra, quella scura a sinistra perch il sole sorge ad est. In questo caso il diagramma del T'ai Chi simboleggia il mondo.

La suddivisione a tra le due fasi fa s che i perimetri di yin e yang siano uguali al perimetro dell'intera circonferenza.

La raffigurazione grafica dei T'ai Chi diventata anche il simbolo delle arti marziali in generale e del T'ai Chi Chan in particolare.

Tutti i movimenti di Kung-fu sono circolari come le linee del diagramma.

Durante l'esecuzione delle tecniche e nel corso di un combattimento vi un continuo alternarsi di yin e yang di cui bisogna imparare ad essere consapevoli.

Per esempio il piede avanti yang, quello dietro yin, ma quando avanziamo di un passo yang diventa yn e viceversa.

Il piede che porta la maggior parte del peso del corpo yang, l'altro yin; non appena il peso si sposta da un piede all'altro yang si trasforma in yn e yin in yang.

Quando siamo contratti siamo yang, quando ci rilassiamo diventiamo yin.

Le parti visibili dei nostro corpo sono yang, quelle che non si vedono sono yin. Per esempio, durante il combattimento, l'avversario vede il mio pugno destro (che yang perch visibile) e lo para, ma non vede il mio pugno sinistro (yn) che lo colpisce. Ma non appena il pugno sinistro arriva a segno diventa yang, mentre il pugno destro da yang si trasforma in yin.

  Condividi


www.ilguerriero.it
Le riviste elettroniche


mailContatti

note

note

Inizio pagina

stella www.ilguerriero.it